Intervista a Paola Gruppo Scuola

Cosa significa essere responsabile del gruppo scuola?

Essere responsabile del Gruppo Scuola mi ha dato la possibilità di venire a contatto con una realtà – quella della scuola - a cui non mi ero mai avvicinata da persona adulta, in quanto io non sono insegnante e la mia attività lavorativa è completamente diversa. Questa esperienza nelle scuole mi ha fatto comprendere il significato e l’importanza del contatto con i bambini/ragazzi che sono coloro ai quali dobbiamo trasmettere il senso civico, il rispetto del bene comune, il mantenimento del decoro della città. Saranno infatti loro i futuri cittadini ed il loro comportamento da adulti dipende dall’insegnamento che hanno ricevuto oggi. Vi è inoltre un aspetto piacevole e divertente nello rispondere alle domande dei bambini, che alle volte sorprendono con la loro sincerità. Un altro aspetto importante di questa esperienza con il Gruppo Scuola è il rapporto che si è instaurato con le amiche con cui lavoro (Maria, Michela, Loredana, Paola), rapporto non solo di collaborazione ma anche di amicizia.

Gli angeli sono attivi a Verona da quasi 3 anni, ci sono suggerimenti che vorresti proporre per la città?

Suggerirei, nell’attività con le scuole, di applicare l’esperienza del Consiglio delle bambine e dei bambini, che il Comune di Verona sta portando avanti dal 2006, ad ogni singola scuola o Istituto Comprensivo. Mi spiego meglio.Il Consiglio è formato da un rappresentante per ogni Istituto Comprensivo (20 Istituti quindi 20 Consiglieri) e si riunisce una volta al mese a Palazzo Barbieri. Questa iniziativa è molto importante e dà l’opportunità ai cittadini più piccoli di sperimentare direttamente il diritto alla cittadinanza. A mio parere l’esperienza potrebbe essere allargata, proponendo l’istituzione di ulteriori Consigli, formati dai bambini di 4°/5° classe elementare di ogni scuola o Istituto Comprensivo. I Consigli potrebbero avere le medesime finalità del Consiglio Comunale attuale e nel contempo garantirebbero il coinvolgimento di un maggior numero di alunni, che lavorerebbero direttamente a contatto con i compagni dell’Istituto e con l’insegnante. Per i ragazzi più grandi potrebbero inoltre essere attivati gemellaggi e scambi con altre scuole del Veneto.

La zona o quartiere che ti sta più a cuore dopo il lavoro svolto con il tuo gruppo?

Con il Gruppo Scuola abbiamo lavorato in diverse zone della città e per tutte c’è stato un impegno nello svolgimento del lavoro. Direi che non ci sono particolari quartieri per i quali abbiamo manifestato maggiore dedizione. In tutti l’intervento degli Angeli è importante.

Un desiderio che vorresti ancora realizzare con gli Angeli?

I desideri sulle attività ancora da svolgere sarebbero tanti. Uno in particolare è quello che mi auguro di portare a termine al più presto. Ultimare lo studio sui Parco Giochi della città e individuare gli elementi di particolare riqualificazione ed abbellimento.

-
X