Intervista a Carlo Gruppo Monumenti

Cosa significa essere responsabile del gruppo dei monumenti?

Essere referenti vuol dire accollarsi eventuale burocrazia da sbrigare ( permessi comunali o di altri enti ) coordinare e decidere con gli altri angeli il da farsi. E’ la decisione di gruppo, condita da una sana amicizia che anima il nostro rapporto di Angeli. Un incarico leggero e piacevole.

Gli angeli sono attivi a Verona da quasi 3 anni, ci sono suggerimenti che vorresti proporre per la città?

Vorrei, e credo sia la speranza di tutti gli Angeli, che le Istituzioni ci supportassero maggiormente, specialmente dopo i vari lavori di pulizia, ripristino dei monumenti, verde ecc. (qualche cartello in più, qualche ordinanza ad hoc, qualche controllo in più ci gratificherebbero, specialmente quando il nostro lavoro duro ed impegnativo viene vanificato dal comportamento di persone che continuano ad essere maleducate ed incivili).

La zona o quartiere che ti sta più a cuore dopo il lavoro svolto con il tuo gruppo?

Per comodità,visto che abito vicino, la tenuta in ordine (senza erbacce e rifiuti vari) della strada romana di via Alighieri e piazza Dante e delle Arche Scaligere. Ma sullo stesso piano di affezione metterei anche il restauro della Colonna dell’Aquila a Santa Lucia e Ponte Pietra (anche se qui ho dato un modestissimo contributo visto che operavano gli esperti di Graffiti Kommando).

Un desiderio che vorresti ancora realizzare con gli Angeli?

Andare avanti con la campagna per la raccolta dei mozziconi. Era stata un idea che avevo lanciato (in maniera troppo blanda) qualche anno fa, ripresa adesso in modo deciso e convinto dalla brava Loredana. E per ultimo: riuscire, tramite gli angeli del Bello, a tirar fuori dai Veronesi l’amore sopito per la nostra splendida Verona, rispolverando il senso civico per una città più rispettata e quindi ancora più bella e più nostra..